Tutti gli articoli

Riparazione valvola mitrale, “lectio magistralis” del Professor Fattouch all’Heart Valve Society

Riparazione valvola mitrale, “lectio magistralis” del Professor Fattouch all’Heart Valve Society
Share on...
Il Grimaldi Forum di Montecarlo ospita, fino a domani sabato 4 marzo, l’appuntamento annuale dell’Heart Valve Society, al quale partecipano, 500 specialisti in Cardiochirurgia provenienti da tutto il mondo. Nel corso del simposio monegasco, i migliori professionisti dei principali e più accreditati poli cardiochirurgici internazionali hanno affrontato ed affronteranno, divisi per sessioni di lavoro, una lunga serie di temi corrispondenti allo “stato dell’arte” della moderna Cardiochirurgia; dalle recenti innovazioni applicate in ambito clinico, nonché allo studio e alla ricerca di ulteriori metodiche in grado di ridurre, ancora di più, lo stress psicofisico nei pazienti affetti da patologie cardiache.

Tra gli esponenti di spicco della Cardiochirurgia italiana ed europea, il Presidente dell’Heart Valve Society, il Professor Gilles Dreyfus, oggi Direttore del Centro di Chirurgia Cardio-Toracica di Monaco, ha voluto accanto a sé il Professor Khalil Fattouch. Responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia Cardio-Toraco-Vascolare di Maria Eleonora Hospital, ospedale di Alta Specialità accreditato SSN di Palermo, nonché membro direttivo della Mitral Academy.

Il Professor Fattouch ha svolto un doppio e prestigioso ruolo durante le giornate del congresso. Il primo, intervenendo quale moderatore del dibattito dedicato alla stenosi della valvola aortica, patologia molto comune nei Paesi Occidentali, la più frequente in Italia, specie nella fascia d’età a maggior criticità compresa tra i 60 ed i 70 anni. Il secondo, quale estensore della “lectio magistralis” sull’Insufficienza mitralica - malattia causata dall’imperfetta tenuta dei lembi valvolari e dal conseguente reflusso sanguigno dal ventricolo all’atrio sinistro del cuore - destinata a divenire malattia endemica in ragione dell’aumentata aspettativa di vita e del graduale invecchiamento della popolazione maschile e femminile. Una “lectio magistralis” incentrata soprattutto sulle novità dei trattamenti di riparazione della valvola mitrale; sul miglioramento dei risultati in campo medico; sull’utilizzo - sempre e comunque in centri altamente specializzati - della chirurgia mininvasiva (a basso trauma) e transcatetere: quest’ultima sfruttando le naturali vie d’accesso del nostro organismo (ad esempio la vena femorale) in persone altrimenti non operabili con la procedura tradizionale, in quanto ad alto rischio.